La nebulosa Nord America, numero di catalogo NGC7000 IC 5070, è una delle nebulose che sovente appare su innumerevoli libri e riviste di astronomia. Caratterizzata dalla sua forma particolare, di cui non si può far a meno di notare la stretta somiglianza con il continente nord americano, è una nebulosa ad emissione i cui gas sono eccitati dall’emissione ultravioletta della stella HD199579 si 6.0 mag e spettro O6.

In questa foto è stata ritratta tramite ccd con l’ausilio di due filtri interferenziali a banda stretta Halpha ed OIII. Nonostante avessimo a disposizione solo due canali narrow è stato possibile ottenere il terzo canale, sintetico, mediando i canali Halpha e OIII tramite una particolare formula usata con il software Pixinsight ottenendo così una combinazione di colori che meglio si avvicina alla CFHT palette ma che evita quella dominante magenta che il più delle volte sembra innaturale.

La foto che abbiamo pubblicato è stata realizzata da Silvano Pagliarini da Tancau sul Mare (Ogliastra) tramite il rifrattore TS61EDPH e ccd <Moravian 16200 con l’ausilio di filtri interferenziali fotografici a banda stretta Halpha e OIII per un totale di ben 7,5 ore di integrazione.

CON IL NASO ALL’INSU’

Benchè la nebulosa Nord America si trovi a soli 3,1 gradi a sud est della brillantissima Deneb (α Cygni) visualmente appare molto debole e per scorgerla sotto un cielo sub urbano occorre un telescopio di modesta apertura e l’uso di un filtro interferenziale.

Facile invece da individuare in un cielo di montagna la quale è possibile osservarla tramite l’ausilio di un buon binocolo 20×100.

Il periodo migliore per osservarla va da fine giugno a fine settembre.