Domani, 11/11/2019 il pianeta Mercurio transiterò sul disco solare. Tale evento è abbastanza raro poichè si verifica 13 o 14 volte circa ogni secolo.

Il transito della durata di 5 ore e 30 minuti non sarà completamente visibile, in quanto l’inizio si avrà alle 13,35 italiane, mentre la conclusione avverrà alle 19,05 a tramonto del Sole già avvenuto in Italia.

11-11-2019

SOLO UTILIZZANDO FILTRI SOLARI COME QUELLI CHE SI IMPIEGANO DURANTE LE ECLISSI DI SOLE, POTRETE OSSERVARE LA NOSTRA STELLA

transito-mercurio-1.jpg

Tale evento è abbastanza raro poichè si verifica 13 volte circa ogni secolo in quanto, ruotando Mercurio intorno al Sole in 88 giorni, rispetto ai 365 giorni della Terra ed il piano della sua orbita è inclinato di 7,1 gradi rispetto al piano orbitale della Terra, il fenomeno del transito avviene solamente quando noi, Mercurio ed il Sole ci troviamo sulla stessa linea detta “linea dei nodi” (vedi figura), cioè l’intersezione tra i due piani orbitali e precisamente “nodo ascendente”, quando Mercurio risale la sua orbita dal basso, rispetto al piano orbitale terrestre e “nodo discendente” quando Mercurio interseca la linea dei nodi dall’alto verso il basso.

L’allineamento al “nodo ascendente” avviene sempre entro la prima metà del mese di novembre, mentre al “nodo discendente” l’evento si ha  nella prima metà di maggio.

Mercurio, dal punto di vista del pianeta Terra, appare circa 200 volte più piccolo del disco solare. È quindi estremamente difficile scorgerlo a occhio nudo PROTETTO DA FILTRI SOLARI. Le previsioni meteo per domani 11 novembre, per Castelnovo di Sotto (RE) dove ha sede l’A.R.A. con l’Osservatorio Astronomico Pubblico “Padre Angelo Secchi”, sono purtroppo infauste, con scarsissime probabilità di cielo sereno e purtroppo il prossimo evento sarà fra ben 13 anni, nel 2032!!

Vi lasciamo pertanto, sperando in un miracolo in Osservatorio, con le immagini del transito avvenuto il 7 Maggio 2003, ripreso con telescopio rifrattore apocromatico, barlow 3x e registrazione del transito su pellicola fotografica Kodak Technical Pan 160ASA e macchina fotografica Olympus OM4Ti

sole 07-05-2003 - DIDA - ng7+10+11+13+15+17+20corr1+22+24+25+31correttaDEF-DATI-finaleCOLORE B

Transito di Mercurio 07-05-2003 - DATI - ng7+10+11+13+15+17+20corr1+22+24+25+31correttaDEF+TEMPI livelli-finaleCOLORE B + DIDA

Osservando in modo spicciolo l’immagine di apertura, nella rappresentazione grafica del transito di Mercurio dell’11 novembre 2019 e le foto qui sopra del transito avvenuto il 7 maggio 2003 ed osservando la distanza percorsa sul disco solare con i rispettivi tempi di compimento delle stesse, notiamo che :

  • i tempi sono pressoche uguali : 5h30m a novembre e 5h12m a maggio

 

  • la distanza percorsa sul disco solare da Mercurio invece è maggiore (quasi il diametro solare circa 1.400.000km) a novembre, contro una linea di corda minore a maggio (1.000.000km circa).

Ne possiamo dedurre, considerando che a maggio e novembre la distanza della Terra dal Sole è pressoche la medesima trovandoci in prossimità degli equinozi di primavera ed autunno, che la velocità orbitale di Mercurio a novembre è maggiore rispetto a maggio, cioè a novembre Mercurio si trova al perielio, mentre a maggio si trova in afelio, quindi aree uguali in tempi uguali, come recita la IIa Legge di Keplero