Lo avevo annunciato e, poiché ogni promessa è debito, ecco l’articolo relativo al calcolo dell’Arctic oscillation index.
Abbiamo già affrontato (in ottica generale)  l’importanza di questo indice nell’articolo L’importanza dell’Arctic Oscillation, ed ora vediamo come lo si calcola.
Ammetto che l’articolo è spigoloso e non di comoda lettura, ma la tecnica utilizzata nel calcolo è davvero straordinaria e, una volta appresa, ben si comprende che il suo utilizzo può essere esteso a generici set di dati.
L’Artcic oscillation Index in fondo non è che una sua applicazione.

Ho scritto questo documento poiché credo che di quest’indice, per quanto noto ed invocato in molti ambiti non accademici della meteo e della climatologia, non sia così diffusa la conoscenza della sua reale natura
Pertanto spero che il documento proposto possa interessare ad alcuni di voi, ma comunque ho inserito un piccolo capitolo finale (il capitolo 10) che sinteticamente riassume il processo.

Non mi dilungo oltre e vi auguro buona lettura.

Download documento: Il Calcolo dell’Artic Oscillation