Il muro anticiciclonico entro breve subirà uno strappo (immagine 1).
Lo strappo permetterà la genesi sul tirreno centro-settentrionale di una depressione e quindi finalmente si avrà un po’ di pioggia.
Dalla mappa della pioggia cumulata GFS delle ultime 24 ore dal run di calcolo (ossia tra la mattina del primo e il 2 ottobre – immagine 2), si può notare come la pioggia sarà distribuita ma non particolarmente organizzata.
Quindi pioverà, ma saremo ancora distanti dalla classica persistente pioggia autunnale.
La ferita del tessuto barico si rimarginerà velocemente e l’anticiclone tornerà a farla da padrone, rinvigorendo nuovamente i suoi massimi sul braccio di mare tra la Scozia e la Norvegia.
Ancora una volta in una posizione, come già sottolineato, piuttosto scomoda per il Mediterraneo, poiché l’unica porta d’ingresso delle correnti perturbate potrà eventualmente essere quella da Est/Nord-Est.
In sostanza un buffetto d’autunno in attesa che qualcosa cambi.

Chiudo questa nota, riportando l’immagina satellitare del TLC Zorba in fase di landfall sulla Grecia.
Nell’arco di una decina di giorni si è formato un MCC sul Tirreno centrale e un TLC sul Golfo della Sirte (Zorba) oggi al landfall sulla Grecia (immagine 3).
Di questa dinamica spero di riuscire a proporvi tra qualche giorno l’intera sequenza Meteosat.

Immagine n. 1

z500_63

Immagine n. 2

pcp24h_72

Immagine n. 3

zorba

V201809291300