Il cielo di ottobre è caratterizzato dalla presenza ancora discretamente alta nel cielo, del pianeta rosso, Marte, che  il 15 alle ore 21 si trova a 24°32′ di altezza sull’orizzonte. Pur allontanandosi dalla sua opposizione si mostra ancora con una magnitudine visuale di -1.0 ed un diametro apparente di 13°74” d’arco. Culmina alle ore 21 e tramonta alle 1:30 ed è possibile osservarlo a sud, al centro della costellazione del capricorno.

Saturno, essendo oramai basso sull’orizzonte, appena 18° circa di altezza intorno alle 20, è possibile osservarlo per il primo periodo nel mese e subito dopo il tramontar del sole a sud ovest nella costellazione del sagittario; con una magnitudine  di 0.5 e un diametro apparente di 16′ è in grado, con i suoi anelli visti quasi di piatto , di regalarci ancora qualche emozione.

Nettuno sarà visibile per gran parte della notte essendo la sua culminazione alle 22:40  e tramontando alle 04:10 a metà mese; è possibile osservarlo a sud est all’interno della costellazione dell’acquario ad un’altezza di 28° sull’orizzonte ed una magnitudine apparente di 7.8

Urano di magnitudine 5.7 sarà visibile per tutta l’intera nottata in quanto a metà del mese  sorge alle 18:50, culmina alle 1:35 e tramonta alle 8:24. Sarà possibile osservarlo all’interno della costellazione dell’Ariete, puntando est  ad un’altezza poco meno di 15° sull’orizzonte.

Infine parliamo della cometa  0021P 21P/Giacobini Zinner che vedrà cambiare la sua magnitudine apparente da 7.6, mostrata ad inizio mese, a 9.3 a fine mese. Sorge alle ore 2:00 e culmina alle ore 7:00 spostandosi nelle costellazione dell’Unicorno, Cane Maggiore e Lepre,  e man mano abbassandosi  sempre più sull’orizzonte. Oggetto visibile con un binocolo, ancor meglio con un telescopio di medio diametro, mostra tutta la sua spettacolarità in fotografia. Quindi se il meteo lo permettesse sarebbe meglio approfittarne.

 

PS: dove non espressamente specificato le effemeridi sono calcolate alle ore 00:00 del giorno 15