Ho aspettato un po’ prima di scrivere questo post.
Ho aspettato e sperato che ECMWF avesse ragione, ma alla fine è capitolato.
GFS ha fiutato la traccia ben prima e dunque eccoci qui a dove narrare la solita vicenda; il dominio anticiclonico durerà ancora parecchio.
Si, vi sarà un sensibile calo della temperatura portato da un ricambio d’aria da nord-est (si veda sotto la mappa termica attesa – immagine n. 2 – per la mattina del 25 in Italia), nonché  precipitazioni sulle regioni adriatiche e al sud, dovute al transito sui Balcani di un fronte freddo (tra il 24 e il 25), ma poi tutto si spegnerà sotto la spinta di una rinnovata possente alta pressione.

Farà di nuovo caldo come in questi giorni ?

No. Tornerà a salire la temperatura, ma dal punto di vista termico dovremmo rientrare in una più consona fase di tempo stabile tardo settembrino e ora capiremo meglio il perché.

Il nuovo anticiclone parlerà l’inglese.

L’immagine sotto riportata dell scacchiere europeo (immagine n. 1), mostra dove l’anticiclone sposterà e manterrà i massimi pressori, ossia si piazzerà mediamente nei pressi dell’inghilterra.
Una posizione assi scomoda per il bacino del Mediterrano per ciò che attiene il flusso da Ovest, che stando così le cose di fatto verrà annullato.
Inoltre questo anticiclone avrà la tendenza ad allungarsi verso Est e ciò inibirà anche le possibili discese fredde ed instabili da Nord.
Continua così il dominio dell’alta pressione anche in fase autunnale, cosa peraltro abbastanza frequente negli anni 2000.

Quando arriverà la pioggia ?

Al momento la speranza è che la situazione si possa sbloccare sul finire della prima decade di Ottobre, ma capirete bene che la distanza temporale è abissale e dunque saranno necessarie molte altre conferme.

Pertanto… Stay tuned !

 

(Immagine n. 1)

z500_168

(Immagine n. 2)

t850_66